Philip Martinez

Lo Studio Tributario SipalaRaiti&Partners nasce nel 2017 dall’iniziativa di Emanuele Sipala e Catia Raiti, professionisti esperti nel settore societario, tributario e nel settore dei giochi, dove operano fin dal 1995.

SOCIETA’ USA

Il processo di internazionalizzazione di un’azienda o l’intenzione di voler effettuare un investimento all’estero, in particolare negli Stati Uniti, spesso si scontrano con la scelta della società che meglio può assicurare o garantire l’impresa o l’investitore italiano.
Nel diritto societario statunitense esistono due categorie sociali che possono essere adottate dall’investitore italiano:
– Limited liability company (LLC);
– Corporation (C-Corp. ed S-Corp.).
Oggi ci occuperemo della LLC che è una società configurabile come un hybrid business vehicle, equiparabile per certi aspetti alla nostra società a responsabilità limitata con delle peculiarità che l’avvicinano alle società di persona. Questo tipo di società è molto utilizzata negli Usa per la sua
facilità di costituzione e la semplicità, nonché per i costi abbordabili per il suo mantenimento. La società per poter operare deve decidere innanzitutto lo Stato dove costituirsi, scegliere la propria denominazione, aprire un conto corrente e chiedere il codice identificativo EIN (Employer Identification Number) che non corrisponde alla nostra partita Iva, bensì ad un numero di previdenza.

Ciò che caratterizza la LLC, la semplicità, ovvero dei vantaggi, può rappresentare invece un problema per l’investitore. Elenchiamo di seguito le maggiori caratteristiche che contraddistinguono una Limited Liability Company:
– La società ha la responsabilità limitata ed i soci non rispondono dei debiti con il proprio patrimonio, tranne il caso in cui il socio è unico (e in questo caso, vietato in California e Massachusetts, occorre prestare molta attenzione);
– La società si costituisce con un atto costitutivo (Articles of Organization), non ha obblighi di redazione di un bilancio di esercizio alla fine dell’anno, ma può rappresentare soltanto un conto profitti e perdite per soli fini fiscali;
– Non è dotata di un organo di controllo o dell’assemblea dei soci;
– La società presenta una dichiarazione annuale che ha carattere meramente informativo (modello 1065);
– I soci persone fisiche sono equiparati a dei lavoratori autonomi e tassati personalmente negli Stati Uniti attraverso la presentazione della dichiarazione dei redditi personale (pass- through entity – tax advantage – tassazione per trasparenza). La dichiarazione dei redditi
dovrà comprendere tutti i redditi percepiti e pertanto il socio italiano dovrà dotarsi di un commercialista locale;
– I soci persone fisiche, essendo equiparati a lavoratori autonomi, sono sottoposti anche ai contributi sociali (security e medicare) che si pagano nel rapporto di lavoro dipendente;
– La tassazione degli utili avviene per trasparenza, a prescindere dalla loro distribuzione;
– La tassazione diretta negli USA, sui soci persone fisiche, con la riforma del 2018, gode di alcuni vantaggi fiscali (abbattimento reddito imponibile del 20% e riduzione aliquote soci), ma anche di una tassazione aggiuntiva sul reddito netto del 15,3% (self employement tax, nel caso di società uninominali e di soci attivi nella società);
– Alcuni Stati negli USA consentono l’anonimato dei soci, anche se occorre che sia reso pubblico il nome di un agente registrato.
E’ prevista inoltre la possibilità per i soci di optare, attraverso la richiesta all’Agenzia Fiscale americana IRS (Internal Revenue Service) per il trattamento fiscale delle Corporation (applicazione del Check The Box Regulation), assoggettando così il reddito ad aliquota del 21%. In
California ed in altri Stati, si applica una tassa sui profitti delle LLC prima della distribuzione ai soci.
Quando la LLC è partecipata da SRL o Spa italiane, viene considerata dal fisco USA come
Disregarded Entity, equiparandola così ad una filiale o branch americana della società italiana, venendo così meno l’autonomia patrimoniale ed esponendo la società madre italiana ad ispezioni e verifiche del fisco americano.
Un particolare che non bisogna trascurare è inoltre quello relativo alla tassazione dei dividendi in Italia che, nel caso in cui la partecipazione della LLC è detenuta da soci persone fisiche, questi al momento dell’incasso del dividendo, devono dichiararlo nella propria dichiarazione come reddito di capitale, scontando l’imposta sostitutiva del 26% e la withholding tax del 15% all’uscita del dividendo dagli USA.

Se invece la partecipazione della LLC è detenuta da una società di capitali italiana, il dividendo sarà tassato per cassa in Italia godendo dell’esenzione del 95% e scontando una withholding tax ridotta del 5% sui redditi in uscita dagli USA.